SCOPRI DI PIù

APOI e i Professional Organizers

L’associazione che raggruppa i professionisti in ambito di organizzazione personale

Reading time: 2′


La definizione di Professional Organizers che si trova nel sito di APOI (Associazione Professional Organizers Italia) è la seguente:

Coloro che con la propria capacità ed esperienza professionale esercitano l’attività volta alla prestazione di servizi al fine di stimolare le capacità organizzative assistendo le persone nel ritrovare il proprio equilibrio e a restituire ordine massimizzando le proprie risorse.

Questa figura professionale è presente negli Stati Uniti già dagli anni ’80 ed è rappresentata tuttora dall’associazione NAPO (National Association of Productivity & Organizing – Professsional Organizers). Il suo corrispettivo italiano si chiama APOI ed è inserita nell’elenco delle associazioni professionali che rilasciano l’attestato di qualità dei servizi del Ministero dello Sviluppo Economico (MISE). Conosco molto bene APOI perché sono io stessa un’associata. E’ grazie a questa realtà che ho conosciuto Organizzare Italia (la prima impresa di Professional Organizing in Italia) e ho intrapreso un percorso per approfondire tecniche di organizzazione, gestione del tempo e degli spazi partendo dalla persona.

Ma cosa fa il Professional Organizer?

Per rispondere, prendo esattamente quanto riportato nel sito dell’Associazione:

  • Negli ambienti di lavoro fornisce strategie per favorire la produttività e l’efficacia dei collaboratori
  • Aiuta nella gestione del tempo per creare e trovare tempo per sè e per le cose importanti
  • Aiuta ad affrontare i cambiamenti in modo efficace e sereno
  • Aiuta a rendere la casa accogliente e funzionale
  • Si occupa di Disorganizzazione Cronica

L’organizzazione è un elemento trasversale che coinvolge ogni aspetto della vita e lo migliora.

Ogni Professional Organizer sceglie di specializzarsi in uno o più ambiti.

Ad esempio la mia docente, Irene Novello, è l’unica in Italia ad essere iscritta all’Institute for Challenging Disorganization americano e tratta situazioni “estreme” come la Disposofobia che è un disturbo caratterizzato dal continuo accumulo di beni e dall’incapacità di liberarsene. Questi casi sono stati resi noti da varie serie TV, come Sepolti in casa e Vite sommerse.

Con APOI oggi è facile trovare professionisti in grado di aiutare le persone negli ambiti dell’organizzazione – vita, casa, lavoro – ritenuti più critici. Il 9 e il 10 novembre si è tenuto il I convegno nazionale Apoi a Bergamo (Presezzo, Hotel Settecento) dal titolo “Non è magia. E’strategia”. Due giorni di condivisione di strumenti e strategie.

E’ interessante osservare le dinamiche della nascita di una nuova professione. La stesse dinamiche che hanno sicuramente attraversato anche altre professioni che fino a qualche anno fa era impossibile immaginare.

Per curiosità ed approfondimenti vi invito ad andare sul sito: www.apoi.it

© Copyright 2019
P.IVA 04399270166 – All rights reserved
Privacy Policy