SCOPRI DI PIù

Urge diventare Antifragili

Il coronavirus ci impone nuove sfide

Reading time: 2′


Ho deciso di leggere il libro di un filosofo, saggista e matematico libanese naturalizzato statunitense, esperto di matematica finanziaria: Nassim Taleb.

Il titolo: “Antifragile. Prosperare nel disordine”. In questo momento – nel quale la mente di tutti è focalizzata sulla pandemia – c’è disordine. Il nostro rassicurante sistema sta traballando. Abbiamo scoperto che le nostre priorità non sono riempirci l’agenda e sopravvivere al traffico, ma sono la salute e la responsabilità verso gli altri. L’idea di prosperare nel disordine, sopratutto per me che parlo di organizzazione, è quasi un ossimoro.

Dal punto di vista delle Human Resources è un concetto fondamentale. Ne parleremo spesso e a lungo appena usciremo da questa situazione.

Pensiamo ai momenti difficili che hanno caratterizzato il mondo del lavoro negli ultimi anni. Quello che stiamo vivendo oggi ha superato le nostre fantasie. Le persone che avranno sofferto e superato la crisi del Codiv -19 saranno in grado di acquisire le skills e le forze necessaria per riprendere, indipendentemente dalla casualità e dal disordine?

Il disordine è dato dagli oggetti fuori posto. In questo momento troviamo fuori posto troppe cose, compreso il nostro equilibrio emotivo. Saremo in grado di crescere nonostante una costante esposizione a situazioni ambigue, insicure, fattori di stress e sopratutto disordine? Un disordine che è il risultato del “troppo”: troppe previsioni, troppe informazioni, troppe scelte e troppe emergenze.

Per certi aspetti, da questa esperienza, ne usciremo più forti e coraggiosi. Desiderosi di intraprendere attività che avranno veramente un senso dopo questa quarantena fatta di affetti, solitudine, anti-socialità e paura di perdere. Non ci restituirà più il “noi” di prima.

Il concetto di Antifragile esprime la capacità di evolvere e migliorare sotto stress e in situazioni di incertezza. Adesso è meglio della resilienza, ovvero della capacità di fronteggiare con un atteggiamento positivo le difficoltà sapendosi ricostruire. L’atteggiamento positivo non basta. Questa pandemia è più grande di noi, è fuori dal nostro controllo e l’essere positivo a volte è solo un gesto disperato. Chi è antifragile diventerà più forte nelle avversità. Avrà una grande e insostituibile competenza. L‘antifragilità prevede un atteggiamento molto pratico che – scrive Nassim Taleb – “ci permette di fare le cose senza capirle e di farle bene”LuciditàCapacità di focalizzarsi sulle cose importanti in situazioni di emergenza. Utilizzando le parole del matematico, “il vento può spegnere la candela e ravvivare il falò”. C’è solo da scegliere se, dopo questa esperienza di grande vissuto umano,  continueremo a fare le candele o diventeremo falò.

© Copyright 2019
P.IVA 04399270166 – All rights reserved
Privacy Policy